Mirto a scopa rovesciata

A partire da 16,00 

Mirto o Shizidium è un’essenza proveniente dalle zone mediterranee per questo si sposa molto bene con le nostre temperature. Il bonsai di Mirto Ha delle piccole foglie che assumono vari colori a seconda della stagione. Un bel tronco scuro con una ramificazione molto interessante. Esiste in diversi stili a scopa rovesciata ma anche con diverse lavorazioni a palchi e altro ancora. Il mirto viene utilizzato spesso per le corone ornamentali o i bouquet delle spose. Gli antichi gli attribuivano doti di portare fortuna e amore.

La disponibilità’ nella qualità’ richiesta potrebbe variare di volta in volta. Eventualmente sara’ mia premura contattare il cliente per proporre alternative.

 

Mirto o Shizidium è un’essenza proveniente dalle zone mediterranee per questo si sposa molto bene con le nostre temperature. Il bonsai di Mirto Ha delle piccole foglie che assumono vari colori a seconda della stagione. Un bel tronco scuro con una ramificazione molto interessante. Esiste in diversi stili a scopa rovesciata ma anche con diverse lavorazioni a palchi e altro ancora. Il mirto viene utilizzato spesso per le corone ornamentali o i bouquet delle spose. Gli antichi gli attribuivano doti di portare fortuna e amore.

Può arrivare a zero gradi, al di sotto di zero va protetto, ricorda e’ un’essenza mediterranea. Il bonsai di Mirto non teme la luce. Ricordiamoci sempre che queste piante in natura vivono all’aperto in pieno sole, pioggia, e tutte le normali intemperie. Il bonsai di Mirto va perciò posizionato in una posizione ben soleggiata. Se in casa vicino ad una finestra possibilmente lontano da fonti di calore artificiali. Il bonsai di Pepe predilige il fresco. Una stanza fredda con temperatura intorno ai 10 gradi sarebbe la condizione perfetta. Se all’esterno non dimenticare di annaffiarlo nei mesi estivi in particolare. A seconda di dove vivete bisogna proteggere l’albero dai freddi più intensi, è chiaro che se vivete in montagna lo terrete in casa in quei due tre mesi più rigidi. Comunque non può scendere sotto lo 0 almeno che non si proteggano le radici, ma meglio evitare.

L’irrigazione deve seguire di pari passo la quantità di sole che riceverà il nostro bonsai. D’estate in pieno sole anche due volte al giorno a seconda della taglia che si è scelto, più piccolo è il vaso più frequenti saranno le annaffiature. Giù grande è il vaso più ci permetterà qualche piccola dimenticanza. Ma ricordate mantenere un bonsai in vita non è questione di “pollice verde” ma di amore per la natura e disciplina nel non dimenticare di annaffiare. D’inverno se il bonsai di Mirto è posizionato in casa andrà annaffiato una volta al giorno circa se posizionato all’esterno due o tre volte a settimana. Questo perché il riscaldamento artificiale è uno dei principali motivi di secchezza del terriccio. Ma questi sono dati approssimativi, il borsista deve tastare il terreno di tanto in tanto e quando questo è secco, annaffiare.

Come già detto il bonsai di Mirto può stare sia in casa che fuori. L’importante è di decidere “dentro o fuori” e non modificare questa posizione in futuro. Lui si adatterà e come facciamo noi prenderà le sue abitudini stagionali. Se lo posizionate all’esterno in base a dove abitate sarà meglio proteggere il vaso dalle gelate invernali con uno straccio eventualmente mettere il vaso in una scatola di polistirolo sagomando il coperchio per far passare il tronco. Oppure posizionandolo vicino alla finestra comunque cercando di proteggere le radici dal ghiaccio. Nel caso le temperature siano troppo rigide sotto lo zero non esitate a portarlo in casa.

Il nostro bonsai di Mirto crescerà con maggior vigore durante la primavera e l’estate. Andrà potato per mantenere il suo stile e la sua forma originale, si infoltirà sempre più e diventerà sempre più bello con il passare degli anni. In autunno se posizionato in ambiente fresco o meglio freddo.

Estate
Il bonsai di Mirto va concimato dopo ogni potatura.

Primavera
Dopo il riposo vegetativo metterà le gemme nuove, quando avremo la sensazione che starà per iniziare una nuova vegetazione lo concimeremo con concime organico specifico per bonsai. Da questo momento fino all’autunno va concimato dopo ogni potatura.

Cambio vaso con un vaso di taglia leggermente maggiore (non più del 30% di aumento) senza cambiare la terra ma solo aggiungendola
Con cautela. Questa operazione può essere effettuata tutto l’anno. Si consiglia di aggiungere akadama ( terriccio specifico per bonsai di origine vulcanica).

Cambio vaso o mantenimento vaso originale, cambio terra, taglio radici
Questa è un’operazione estremamente delicata. Va effettuata a fine autunno, con il bonsai in riposo vegetativo, perciò con poche foglie e in vista delle gemme nuove. Importante dopo tale operazione, non concimare, non dargli nessun tipo d prodotto che non sia acqua. Annaffia subito dopo l’operazione e per i primi dieci giorni annaffialo più volte durante la giornata, circa due. Questa operazione non è necessaria per almeno un paio di anni dall’acquisto. Ti consigliamo comunque di contattarci prima di fare tale operazione.

Il Pepe o Mirto è una bellissima essenza che si sposa perfettamente all’arte dei bonsai. Avrai la sensazione di avere un vero albero in casa e se sarai fortunato potrai raccogliere tra poco tempo dei fiorellini bianchi. Un’essenza semplice ma con un grande potenziale.

Ricorda, noi saremo qui per aiutarti nella cura del tuo nuovo mirto bonsai, se avrai bisogno di aiuto contattaci.